AICPEONLUS NEWS

Hospital Cristiano del Llano - San Raymundo de Sacatepequez - Guatemala 2005 - 2017


Hospital Cristiano del Llano - San Raymundo de Sacatepequez - Guatemala 2005 - 2017 potrebbe essere questo il titolo dell’articolo che l’amico e collega Claudio Bernardi mi ha chiesto di scrivere per i soci Aicpe dopo la nostra ultima missione svolta, appunto, insieme in Guatemala. Il tutto per Claudio è iniziato nel 2014 quando gli ho chiesto come responsabile della Aicpe Onlus se era interessato a fare questa esperienza con me in Guatemala in vista di una naturale selezione che mi vedeva dopo 10 anni di missioni in Guatemala a cedere il passo a persone esperte e comunque già impegnate ed affascinate dal mondo delle missioni umanitarie e Claudio, senza sbagliarmi, rispondeva perfettamente a questi requisiti. Così dalla sua prima missione in Guatemala insieme nel 2015 siamo passati al terzo anno consecutivo di Claudio, con una parentesi da parte mia nel 2016, perchè personalmente impegnato in un altra missione in Iraq (Nassyria) nello stesso periodo .. così quest’anno con i colleghi Claudio, Paola Pasquini (secondo anno consecutivo) e Matteo Campana al suo quarto anno consecutivo abbiamo svolto un pregevole lavoro, in piena sintonia fra noi e con gli altri membri della missione, anestesisti e personale volontario infermieristico e non, compresi. Per chi non lo sapesse l’Associazione Sulla Strada Onlus nasce nel 2000 grazie ad un allora parroco di Attigliano (TR) Carlo Sansonetti che decise di riporre il frutto delle sue precedenti esperienze in America Latina dal 1993 al 1998, sempre con progetti con i bambini di strada (da cui il nome dell’associazione), in un progetto più ampio ed impegnativo che lo vedesse esposto in prima persona. Il progetto principale era di aiutare i bambini di una località sudamericana depressa, ad emergere, mediante la cura della salute, dell’alfabetizzazione e quindi della cultura, da una realtà sociale che li avrebbe portati inesorabilmente o alla sola sopravvivenza agricola o ancora peggio a continuare a costruire in casa i fuochi di artificio (di gran moda ed uso in Guatemala) causa di incendi ed ustioni perchè costruiti in luoghi angusti, in capanne facilmente infiammabili e nella maggior parte dei casi prodotti dai bambini, percheè abili e veloci e spesso di sera a “lume di candela“.
Paolo Rosa

Condividi nei social network   
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Premio della Bontà 2016


Diventa socio Aicpe

Categorie

Recent Posts

Archivio